Condizioni di salto

Compatibilità:IdSurvey 7IdSurvey 8

IdSurvey normalmente processa le pagine in modo sequenziale: rispondendo alle domande della prima pagina e cliccando il pulsante avanti verrà proposta la seconda pagina e cosi via. Con le condizioni di salto è possibile alterare e personalizzare il flusso in base ad una risposta data.

Quando si sceglie un’opzione di risposta con una condizione di salto, IdSurvey proseguirà l’intervista proponendo la domanda specificata, ignorando la normale sequenza. È possibile specificare una singola domanda oppure una sequenza di domande. La sequenza di domande può essere anche randomizzata.

Le condizioni di salto possono essere attivate solo nelle opzioni di risposta. Selezionando una risposta con una condizione di salto impostata, IdSurvey proporrà la domanda, la pagina o l’elemento specificato.

Gli elementi di atterraggio delle condizioni di salto possono essere: domande, gruppi di domande, pagine, sezioni.

Tipologie

Le condizioni di salto si suddividono in 4 tipologie, elencate di seguito.

Salto semplice

GoTo (Q15)

IdSurvey proporrà la domanda specificata. Verrà poi rispettato il normale flusso di IdSurvey e proposta la pagina successiva.

Nota

  • Le domande saltate saranno ripulite da eventuali risposte date in precedenza. Se la condizione di salto atterra su una domanda precedente i dati non saranno cancellati.

 

Salto con sequenza

GoTo (Q15,Q17,Q21)

IdSurvey proporrà le domande nell’esatta sequenza come specificato. Verrà poi rispettato il normale flusso di IdSurvey e proposta la pagina successiva.

Nota

  • È possibile effettuare un salto con sequenza per effettuare un salto semplice ed evitare di ripulire le domande saltate. È sufficiente indicare la pagina d’atterraggio e ” al posto della seconda pagina della sequenza:GoTo (Q15,'')

 

Salto random

GoToRnd (P18,P19,P20,P21)

IdSurvey proporrà le pagine specificate fra apici in ordine casuale.

L’ultimo codice definisce da quale pagina dovrà proseguire il flusso standard.

Salto con condizione

if(Q1==3) GoTo (P32)

Quando si seleziona la risposta con questa condizione di salto, IdSurvey verificherà se alla domanda Q1 è stata selezionata la terza opzione. Se questa condizione è vera verrà proposta la pagina 32.

È possibile descrivere condizioni più complesse in modo del tutto analogo alle condizioni di visualizzazione. Per ulteriori informazioni sulla sintassi delle condizioni consulta l’articolo specifico.

Note

  • È possibile impostare le condizioni di salto sia per atterrare in elementi successivi che in elementi precedenti. Un GoTo che punta ad una domanda precedente è molto utile per forzare l’intervistato a correggere una risposta che si è rivelata non coerente. Questa tecnica è descritta nell’articolo “Come configurare una pagina di controllo”.
  • IdSurvey elabora una sequenza alla volta. Se durante una sequenza di una condizione di salto IdSurvey incontra un’ulteriore condizione di salto, la prima verrà ignorata e sarà quindi proposto il flusso descritto nella seconda.
  • Quando si crea un questionario con molte condizioni di salto e condizioni di visualizzazione, è importante prestare attenzione a non generare conflitti o loop. È buona norma effettuare un test approfondito del questionario prima di avviare l’indagine.

 

IdSurvey normalmente processa le pagine in modo sequenziale: rispondendo alle domande della prima pagina e cliccando il pulsante “Avanti” verrà proposta la seconda pagina e così via.
È possibile alterare il normale flusso utilizzando diverse strategie, grazie alle Condizioni di salto e alle Condizioni di visualizzazioni o anche utilizzandole entrambe.

Comportamento di base

Condizioni di salto
Quando si sceglie un’opzione di risposta con impostato una condizione di salto, IdSurvey proporrà la domanda specificata, ignorando temporaneamente la normale sequenza.

Condizioni di visualizzazione
La condizione di visualizzazione si utilizza per filtrare un elemento secondo determinate condizioni. Un esempio di utilizzo semplice è quello di non far visualizzare una determinata pagina se si è risposto in un determinato modo ad una domanda precedente.

Un errore comune

Sebbene entrambi le funzioni possono essere utilizzate per personalizzare il flusso di un questionario, è fondamentale comprendere quando utilizzare l’una e quando utilizzare l’altra.

Molto spesso utenti poco esperti, specialmente se abituati a concepire il questionario su carta, commettono un errore logico rovesciando le due funzionalità. Vediamo un esempio.

Immaginiamo una domanda che chiede se si è maschio oppure femmina. Immaginiamo ora due domande successive ma che la prima deve apparire ai soli maschi e la seconda alle sole femmine. Per programmare questo flusso si potrebbe commettere l’errore di definire una condizione di salto per ognuna delle 2 risposte della prima domanda: se è maschio passa alla domanda 2 e se è femmina passa alla domanda 3.
Con queste regole sorge un problema: se l’intervistato è uomo passerebbe alla domanda 2 ma proseguendo il questionario si troverebbe comunque a dover rispondere alla domanda 3. Infatti nel flusso sequenziale di IdSurvey la domanda 3 viene automaticamente visualizzata dopo la domanda 2.

Per ovviare a questo problema è possibile escludere dal flusso le pagine che contengono le due domande, impostando le pagine come “non sequenziali” dal bottone ingranaggio delle singole pagine. In questo modo, se è stato risposto maschio, la condizione di salto forzerebbe il flusso di IdSurvey facendo apparire la domanda 2 ma cliccando avanti la domanda 3 verrebbe ignorata.

C’è però un’altra soluzione, ben più pratica e coerente.

Il modo migliore per realizzare la giusta logica di questo esempio è quello di non utilizzare la condizione di salto ma quello di definire delle condizioni di visualizzazione per la domanda 2 e la domanda 3:

domanda 2 visualizza solo se ha risposto maschio alla prima domanda.
domanda 3 visualizza solo se ha risposto femmina alla prima domanda.

Poiché queste due condizioni non possono mai essere vere entrambe, ogni intervistato visualizzerà solo la domanda adatta a lui (o lei) in base alla risposta data alla domanda 1.

In questo modo si avrà la certezza che il flusso del questionario sarà quello voluto e la programmazione del questionario risulterà più snella e lineare.

In altri casi la condizione di salto è estremamente utile e il suo utilizzo combinato alle condizioni di visualizzazione permette di realizzare flussi complessi.

Leave A Comment?